VIA LUCIS: Article 2

SigilloDCSII

 

PANSOPHIA ET VIA LUCIS

AN EXPLANATION (Int, Esp, It)

When we decided to give the name VIA LUCIS, with the undertitle PANSOPHIC JOURNAL, this was in reason of the Rosi+Crucian idea that instruction and education are the train tracks which may drive a person until the spiritual door. Therefore, for human emancipation, the aim should be enlarge the number of people that may be able to offer to their children instruction and education, so that the awareness conquered with studies may subtract men and women to violence and misery, generating a more evolved humanity.

Of course we know that this is not always what happens in the world. The exploitation of man by man is still today something tremendously common and, as the R+C spirit inform us, and Jeremy the prophet too, we should not trust into the men of the world. Notwithstanding, the spiritual meaning of history is completely imbued with these ideas, if we want to think of history not as a history of battles (which, as Shakespeare says in Macbeth, would be nothing more than the story of a madman, all clamor and fury, which means nothing) but as a history of evolution of humanity, as a history of the progressive liberation of the spirit from material needs.

We know that this way of seeing things is utopian, that its realization is tremendously difficult. We do not pretend to change the world. Let’s just say that this utopia is very rooted, and has roots in the noblest things that history has produced. In modern times, we find between two works by Comunius: Via Lucis, Vestigata & Vestiganda, 1641; Schola Pansophica, 1651, this spirit of progress through knowledge, which still appears very current and important. These titles prompted us to call our magazine with such a headline title. The activities and themes of the journal are intended to stimulate this logic of knowledge and knowledge, both of a civil and of a metaphysical nature. For its synthesis, our purpose is to start from the highest and most abstract level, above all to return the knowledge of the operative tools that are at the base of all the Western esoteric Orders. We will speak, therefore, to those who want to read, of High Magic but freeing the content from every superstition and reintegrating its meaning in a modern key, as an investigation of the unconscious, precisely with the aim of preparing the path of awareness that opens the doors of the spirit. A Schola Pansophica that introduces to Via Lucis.

 

Althotas S::I::I:: 5=6

 

post scriptum: in August 2019 there will be a transnational conference. People who want discuss a public speech on the role of metaphysic knowledge and direct interpretation of holy writings in Tradition, are the welcome one. To submit a public speech to the VIA LUCIS CONFERENCE, please send an email to fondazionem@gmail.com within February, 28, 2019. Speechs admitted will be also published on the VIA LUCIS magazine.

 

 

PANSOPHIA ET VIA LUCIS

UNA EXPLICACIÓN

 

VIA LUCIS, con el sub-título PANSOPHIC JOURNAL, esta fue la razón de la idea de Ros + Crucian de que la instrucción y la educación son las vías de la espiritualidad. La razón de esto es ser educado. Por supuesto que sabemos que no siempre es lo que sucede en el mundo. No es lo mismo que el del mundo. No obstante, el significado espiritual de la historia está completamente imbuido de estas ideas, como dice Shakespeare en Macbeth, no sería más que la historia de un loco, todo clamor y furia, que no significa nada; sino como una historia de la evolución de la humanidad, como una historia de la liberación progresiva del espíritu de las necesidades materiales.

Sabemos que esta forma de ver las cosas es utópica, que su realización es tremendamente difícil. No pretendemos cambiar el mundo. Digamos que esta utopía está muy enraizada y tiene sus raíces en las cosas más nobles que la historia ha producido. En los tiempos modernos, encontramos dos obras de Comenius: Via Lucis, Vestigata & Vestiganda, 1641; Schola Pansophica, 1651, este espíritu de progreso a través del conocimiento, que sigue siendo muy actual e importante. Se solicita que estos títulos llamen a nuestra revista con el título principal.

Están destinados a estimular esta lógica de conocimiento y conocimiento, tanto de una civilización como de una naturaleza metafísica. Para su síntesis, estamos a punto de devolver el conocimiento de las herramientas operativas que están en la base de los Órdenes esotéricos occidentales. Hablaremos con usted, pero no podrá leerlo. Porque primero deben ser abiertos las puertas del espíritu. Esta es la tarea de una Schola Pansophica que introduce a la Via Lucis.

Althotas S :: I :: I :: 5 = 6

 

post scriptum: en agosto de 2019 habrá una conferencia transnacional. Las personas que deseen debatir sobre un rol público en el papel del conocimiento metafísico y la interpretación directa de las sagradas escrituras en la Tradición, son las bienvenidas. Para enviar un discurso público a la CONFERENCIA VIA LUCIS, envíe un correo electrónico a fondazionem@gmail.com dentro del 28 de febrero de 2019. Los discursos admitidos serán publicados en la revista VIA LUCIS.

 

 

 

 

PANSOPHIA ET VIA LUCIS

UNA SPIEGAZIONE

 

VIA LUCIS, con il sottotitolo PANSOPHIC JOURNAL, trae ispirazione dalle idee dei Rosa+Croce, per i quali l’istruzione e l’educazione sono i binari della spiritualità. Ovviamente sappiamo che non è sempre ciò che accade nel mondo, che questo modo di agire non è del mondo, che invece si nutre di sfruttamento dell’uomo sull’uomo. Tuttavia, il significato spirituale della storia è completamente intriso di queste idee, senza le quali, come dice Shakespeare in Macbeth, “non sarebbe altro che la storia di un pazzo, tutto clamore e furia, che non significa nulla”. La storia come percorso di crescita spirituale, come storia dell’evoluzione dell’umanità, come progressiva liberazione dello spirito dai bisogni materiali.

Sappiamo che questo modo di vedere le cose è utopico, che la sua realizzazione è tremendamente difficile. Non intendiamo cambiare il mondo. Diciamo che questa utopia è molto radicata e ha le sue radici nelle cose più nobili che la storia ha prodotto. Nei tempi moderni, troviamo due opere di Comunius: Via Lucis, Vestigata & Vestiganda, del 1641; Schola Pansophica, del 1651, che esprimono questo spirito di progresso attraverso la conoscenza, che è ancora molto attuale e importante. Dalla combinazione di queste idee e di questi titoli abbiamo tratto la testata della nostra Rivista.

Lo scopo è stimolare questa logica di conoscenza e conoscenza, sia di civiltà che di natura metafisica. Per la sua sintesi, lavoriamo per restituire la conoscenza degli strumenti operativi che sono alla base degli ordini esoterici occidentali. Parleremo con te, ma non sarai in grado di leggerlo.  A meno che non sia aperte le porte dello spirito. Schola Pansophica che introduce la Via Lucis.

Althotas S :: I :: I :: 5 = 6

 

post scriptum: nell’agosto 2019 ci sarà una conferenza transnazionale. Le persone che desiderano proporre un loro discorso pubblico sul ruolo della conoscenza metafisica e dell’interpretazione diretta delle sacre scritture nella Tradizione, sono benvenute. Potete inviare un testo per la CONFERENCE VIA LUCIS, inviando un’email a fondazionem@gmail.com entro il 28 febbraio 2019. Gli interventi ammessi saranno pubblicati sulla rivista VIA LUCIS.

 

 

Annunci

Sumerian Hymns

The gods honored in the hymns treated in the work published in 1908 by Frederick Augustus VenderburghFrederick Augustus Venderburgh (Columbia University Press) are Bel (Enlil), Sin (Nannar), Adad (Ramman) and Tammuz.

1. Bel

Bel was the most ancient of all Babylonian gods and was a popular deity through the historic rise and fall of several Babylonian states, when no other god received prominent recognition. When En-sag-kusanna, lord of Kengi, subdued the city of Kis in the north
of Babylonia, he brought the spoil of his victory to Bel. “To Bel (En-lil), king of the lands, En-sag-kusanna, lord of Kengi, the spoil of Kis, wicked of heart, he presented.”

E-kur, the temple of Bel at Nippur, as restored on the basis of the discoveries of the University of Pennsylvania Exploration Fund, consists of two courts, an outer and an inner courtd give.”

Sargon I. calls himself the builder of Bel’s temple at Nippur, and Naram-Sin, the son of Sargon, also calls himself the builder of Bel’s temple. The real instance is that the temple is more ancient.

Enlil Ninlil

1 Dingir En-lil lugal kur-kur-ra En-$ag-ku-an-na enKi-en-gi ga Ki-M hul-Sag a-mu-na-ub (OBI. Nos. 90 and 92).

2 dingir Nin-gir-su gud dingir En-lil-ld-ra Uru-ka-gi-na lugal Sir-la-pur-M-ge e-ni mu-na-ru (Clercq II, PL viii, Col. I).

3 E-an-na-tum pa-te-si Sir-la-M-pur-ge mu-pad-da dingir En-lil-ge (Galet A, Col. I. See Dec. XLIII).

4 En-teme-na dumu En-an-na-tum (Lines 3 and 10. See DeV. XL VII).

5 dingir En-lil lugal kur-kur-ra ab-ba dingir-dingir-ru-ne-ge (Cone of Entemena, Col. I, 1-3. v See Dec. XL VII).

6 En-teme-na pa-te-si Sir-la-pur-M pa sum-ma dingir En-lil-ld (Cone of Entemena, Col. V, 1923. See Dec. XLVII).

7 Me-silim lugal KiS-M-ge (Cone of Entemena, Col. I, 89. See Dec. XLVII).

8 ka dingir En-lil-ld-ta sa-u-gal ne-u md(SA’R)-dul-tak-bi edin-na ki-ba ni-uS-uS (Cone of Entemena, Col. 1, 28 31! See RAAO. Vol. IV, Plate II).

9 dingir En-lil lugal kur-kur-ra Lugal-zag-gi-si lugal Unug-M-ga nam-lugal kalam-ma e-na-sum-ma-a (OBI. No. 87, Col. I, 14 and 3941).

10 dingir Babbar lugal zal sig-ga-ka (see De*c. XXXVIII, Fragment D 1 , middle of the Fragment).

The story of Enlil is told on clay tablets in the mid to late 3rd millennium bC, referred to the first city  (uru-sag) of the world, called Nippur (Nibiru), portrayed as the home of the gods which, according to Kramer “that seems to be conceived as having existed before the creation of man.”

A.R. George suggests “Nippur was a city inhabited by gods not men, and this would suggest that it had existed from the very beginning.” It is not difficult to imagine the city inhabited by the Patriarchs Before the Deluge of the Book of Genesis, about whom Enoch told us they came from another world whose name was the same of the city.

Enlil leaves the city, speaking to as the keeper of the city gate (“keeper of the holy barrier” or “man of the pure lock”), the man who guards Id-kura; the Sumerian river of the underworld.

Animals of the field, creatures of the field he created. The Tigris and the Euphrates he made and in place put (them) By their names joyfully he called them”.

When Babylon became the chief city of all Babylonia, it was natural that its god should be regarded as supreme. It was at this point that political lordship seemed to pass from the old Bel to the new, namely to Marduk. Hammurabi, one of the early  kings at Babylon, speaks of Bel as voluntarily transferring his power to Marduk.

 

2. Sin

Next after Bel, the moon-god is worthy of consideration, because of the age of his cult, and because of the greatness of its influence in Babylonia. The moon -god had two Sumerian names, Sis-ki (protector of the land) and En-zu (lord of wisdom).  The Assyrian  prefer to call the moon-god by the name Sin, while the Semitic Babylonians called him Nannar. Nannar had a temple at Ur, called E-gigirga. The city of Ur reach back to 4000 B. C., holding a position in southern Babylonia similar to that held by Nippur in northern Babylonia, but was not so old as Nippur.

sin nanna

1 (17) . . . gi-Si-ma gi-dir i-de-na-a nam-mi-ni-in-keSda #” Marduk a-ma-am ina pa-an me-e ir-ku-w (18) sahar-ra ni-mu-a ki a-dag nam-mi- in-dub e-pi-ri ib-ni-ma it-ti a-mi iS-pu-uk (20) nam-lu-giSgal-lu ba-ru a-me-lu-ti ib-ta-ni (22) bir-anu nig-zi-gal edin-na ba-ru bu-ul eri Si-kin na-piS-ti ina fi-e-ri ib-ta-ni (23) id Idigna \d Puranunu me-dim ki gar-ra-dim Diglat u Puratta ib-ni-ma ina a$-ri iS-ku-un (24) tnu-ne-ne-a nam-duga mi-ni-in-sd-a Sum-Si-na fa-bi im-bi (Tablet 82522, 1048. CT. XIII. Plate 36).

a (47) dimmer Mu-ul-lil-ld-ra id-kal (48) su-zi me-lam gur-ru ud al-tar (49) tm-frtf* ri-a-bi (52) u dimmer DUN.PA.UD.DU.A-ra id-kal (53) naro-tar gu-la im-huS ri-a-bi (56) mu-lu Til a-a damal muh-na id-kal (58) sa-Su-us-gal ki bal-a u-$u (60) u ur-sag gal-e id-kal (61) e gi gur-ru mulu er\m-ma Su-Su (62) azag gaSan En-lil-ki-a-ra id-kal (63) am Si ka-nag-gd maS-su ki-in-gi-ra (K. 4980. IV R. 27, No. 4).

 

 

3. Adad

The storm-god is known by the Sumerian ideogram IMMU in the El-Amarna tablets (1500 B.C.) has the reading Adad, a name connected with the Syrian Hadad. Oppert thinks Adad is the god’s oldest name. It seems evidently a foreign equivalent for Im. The Assyrian name Ramman is a provisional name  meaning “thunderer”, and probably only an epithet. The sign IMMU has also the value Mer. This is, no doubt, the original and real name of the god, which appears as well in the form Immer. Hadad.jpg

The primary idea in the name is that of wind, then, that of rain and finally of thunder and lightning. The god is not an object like Nannar, but a force; then the force is personified and he is spoken of as a person.

1 (Col. XLII, 18 a) Sum-ma a-me(PI)-lum (19) a-md(PT)-ti~ia (22) la i-gul-ma (Col. XLIH, 64) * Adad be-el hegallim (65) gu-gal Sd-me-e (66) ft ir-Si-tim (67) ri-zu-u-a (68) zu-ni i-na Sd-me-e (69) mi-lam (70) i-na na- ak-bi-im (71) li-te-ir-u (72) ma-zu (73) i-na hu-M-ah-hi-im (74) it bu-bu- tim (75) li-fral-U-ik (76) e-li ali-$& (77) iz-zi-ii (78) li-is-si-ma (79) ma-zu a-na til a-bu-bi-im (80) li-te-ir (CH. Plates LXXVI, LXXIX and LXXX).

 

4. Ramman-Shamash

The name Ramman appears by the side of that of Samas and he is called the divine lord of justice. In the Babylonian dynasty of kings, Nebuchadnezzar I addresses Ramman as the great lord of heaven, the lord of the subterranean waters and rain, whose curse is invoked against the one who sets aside the decrees of Nebuchadnezzar or defaces his monument. we find his name in the name of the ancient Assyrian king SamaS-Ramnian, and from an inscription of Tiglath-pileser I.

shamash.jpg

1 (Col. VII, 75 b) libndti al-bi-in (76) kaJi-l-ar-Su u-mi-si (77) dan-na-su ak-Sud u3-se-e-u (78) i-na eli fa-sir sadi-i dan-ni ad-di (79) a-ra Sd-a-tu a-na si-fiir-ti-Su (80) i-na libndti ki-ma ka-nu-ni aS-pu-uk (81) L ti-ip-ki a-na su-pa-li (82) u-fi-bi i-na muh-hi-fri (83) us-Se bit
m A-nim it itu Ramman (84) Sd bu-u-li ad-di (85) iS-tu u-e-$u a-di tah-lu-bi-Su (86) e-bu-uS eli mah-ri-e ut-tir (87) II si-kur-ra-te rabu-te (88) Sd a-na si-mat ilu-ti-Su-nu rabi-te (89) &i-lu-ka lu-u db-ni-ma (I R.

 

Arte Spirituale

Arte Spirituale è la frontiera dell’evoluzione possibile, individuale e collettiva. Su questa fragile definizione, costantemente minacciata dai suoi detrattori, si gioca l’intero percorso evolutivo delle possibilità migliori dell’umanità. Chi ritenesse iperbolica questa premessa, se anche non fosse d’accordo, troverà argomenti non facili da sopprimere anzi, impossibili da superare, se non con l’artificio e l’inganno del sofisma.

L’idea di un’Età dell’Aquario, che sia comunicazione aperta e integrata, era in ebollizione già negli anni ’30 del XIX secolo, e riprendeva un tema più antico, introdotto due secoli prima dai Manifesti Rosacroce: il tema dell’apparizione di nuove stelle nel cielo, sentito dai contemporanei come l’annuncio di una verità progressiva, che si rivela per gradi all’umanità.

In questo modo, l’Arte Spirituale si dimostra portatrice di un messaggio universale che entra in collisione con un altro modo di concepire la vita: invece di una concezione della verità come data e immutabile, ecco dischiudersi un universo fatto di esperienza e conoscenza, che si rivela progressivamente a chi dispone la propria anima a un percorso di reintegrazione.

L’idea dell’Età dell’Aquario divampò nell’Ottocento con il suo portato di liberazione e di emancipazione, di rovesciamento di ogni tirannide e di ogni oppressione. La rivoluzione industriale prometteva l’affrancamento degli uomini dai lavori pesanti, l’inizio di una nuova era. Da questo crogiolo in cui si mescolavano idee irrazionali e conquiste scientifiche, emerse il movimento internazionale dei lavoratori.

La pittura, giunta a maturazione la tecnica fotografica, fu sciolta dal vincolo di rappresentare la realtà oggettiva, potendo aprirsi alle frontiere oniriche e alle visioni psicologiche dei fenomeni. Da questa prospettiva, finalmente giunse alla coscienza la possibilità di sovvertire la situazione di sfruttamento che i ricchi esercitano nei confronti delle classi subalterne.

 

VIA LUCIS: Article 1

 

An article from the Magazine VIA LUCIS

A LINGUISTIC PRECISATION

NO ACADEMIC LANGUAGE BUT

UNIVERSAL KOINÉ

INTGLISH?

The R+C Manifestos, since their first appearance, were written in five languages. As we are in XXI century, we may consider that English may be the vehicle for a general understanding: but we will not make use of English in the academic way: we will use this language as lingua franca, with no respect for national grammar rules and the open will to communicate and understanding each other, out and far from every kind of linguistic problem (and far from «newspeak» propaganda). What is important is to express something of good feeling in art, in philosophy, in life. Improving emancipation, awareness, consciousness. Which is the aim of VIA LUCIS.

As we are talking about an European movement, language is a very important point. We need to imagine – as we in fact does when working in presence – a place where people of different language meets to work together. Of course, our work language is English; but we want to underline that there is consciousness and awareness that our English is a language of transformation, we may say a form of International English or – if you prefer – Internet English, the mix we call Intglish. It’s something similar to Troubadour’s way to understand each other beyond borders. This lighter approach to communication is the spirit of time and, while we respect the great tradition in literature and history of the English language, simultaneously we call for a frank language which is the result given by the magickal equation of the mix of words taken from Enochian, Hebrew, Sanskrit, Latin, French, German, Spanish, Chinese, African and Maya which are the instruments of Magick.  Beyond nations, beyond division. A small word of people able to understand that it is possible to go beyond religions and all that things that create divisions, being useful to the power’s establishment and completely damaging for individuals. Therefore, dear Reader, forgive us some mistakes in grammar and syntax, thinking that we are building a new Koiné, Κοινή, Κοινή!

via lucis COPERTINA2

GIUSTIZIA MASSONICA

Il regolamento massonico recita: “Il massone è sottoposto alla Giustizia Massonica e vi resta soggetto anche se in sonno o decaduto.”

Esaminiamo questa proposizione.

Possiamo dare delle spiegazioni che risentano più del carattere essoterico della obbedienza, del contenitore delle Logge simili, anzichè del carattere esoterico della Loggia per cui la giustizia Massonica deve essere applicata a tutti coloro che hanno ricevuta una Iniziazione, anche se si sono messi in sonno.

Si parla peró di giustizia Massonica ovvero di giustizia che riguarda coloro che, per essere accettati come Massoni, devono essere iniziati in seno ad una Loggia. La giustizia Massonica quindi è o dovrebbe essere solo quella esercitata dalla Loggia e non dalla istituzione nella quale detta Loggia confluisce. La giustizia esercitata dalla istituzione non è e non può essere Massonica, non può essere intesa giustizia esercitata da un Ordine Iniziatico.

Nel tempo, specie in alcune obbedienze, varie giunte e vari gran maestri, per ignoranza o in mala fede, hanno eliminato la giustizia esercitata dalla Loggia, riducendo la stessa al semplice arbitrato emesso dal Giurì d’Onore solo dopo il parere favorevole espresso sia dall’Oratore di Loggia, che dal collegio circoscrizionale. Nel caso di parere contrario il giudizio anche su colpe Massoniche, spetta, secondo il regolamento di tali obbedienze, al Tribunale Circoscrizionale.

È opportuno constatare però che proprio il concetto di colpa Massonica è stato stravolto. Per colpa Massonica tali obbedienze intendono qualsiasi azione compiuta da un aderente alla Massoneria anche se l’azione stessa non riguarda l’attività esoterica ma una qualsiasi attività profana compiuta da un appartenente alla istituzione in quanto appartenente ad una Loggia che a tale istituzione aderisce. Da questa distorsione deriva che un aderente alla Massoneria può essere giudicato dalla giustizia esercitata non dalla loggia ma da organi della istituzione, anche se si è messo in sonno cioé anche se è uscito fuori dalla istituzione stessa. Questo è un enorme errore non solo giuridico, ma quel che é più grave, esoterico.

Mettersi in sonno non vuol dire perdere o abbandonare le prerogative che conferisce l’iniziazione. Queste prerogative possono perdersi solo se la Loggia alla quale si appartiene o si è appartenuto, con una cerimonia particolare, BRUCIA FRA LE COLONNE colui che ha ricevuto l’iniziazione. Ciò significa che colui che si è dimesso si è messo fuori dalla istituzione, dalla Gran Loggia, e non può essere più giudicato da organi esterni alla propria Loggia. Egli può soltanto essere bruciato fra le colonne e solo dalla propria Loggia. Viceversa colui che non si è dimesso può essere giudicato anche da organismi appartenenti alla Istituzione e non alla Loggia e, in questo caso, espulso cioè allontanato dalla Istituzione stessa ovvero gli può essere comminata qualsiasi altra sanzione prevista dal regolamento. Questo eventuale ultimo procedimento non fa perdere al sottoposto al giudizio il carattere iniziatico che può essere perduto solo, ripeto, dalla cerimonia della bruciatura fra le colonne che può essere fatta solo ed esclusivamente dalla Loggia di appartenenza e non da un tribunale al di fuori della Loggia. Queste regole iniziatiche, in genere, sono (in buona o mala fede) non tenute in considerazione dai redattori dei vari regolamenti massonici che ritengono di poter giudicare, con organismi esterni alle Logge, chi ha già dato, cioé ha dato prima del processo, le dimissioni dall’istituzione stessa. Nei suoi confronti infatti il Tribunale ritenuto competente non potrebbe comminare alcuna sanzione che, secondo i vari regolamenti sono, in ordine, l’ammonizione, la censura semplice, la censura solenne e l’espulsione. Dette sanzioni possono essere comminate solo ad un membro della Istituzione e non ad estranei alla stessa dato che nei confronti di un estraneo le sanzioni sarebbero inefficaci o inutiliter date.

Il giudizio previsto per l’assonnato, eventualmente, è di competenza solo ed esclusivamente della Loggia la quale possiede gli strumenti per comminare, se lo ritiene opportuno, una sanzione.

Infatti nei confronti dell’assonnato il processo potrebbe essere fatto solo dalla ex Loggia e la sanzione, in caso di riconoscimento di colpa MASSONICA INIZIATICA e non profana, è la “bruciatura fra le colonne” che comporta il distacco dall’eggregore e prevede una particolare cerimonia che molte Logge non sono in grado di effettuare in quanto non hanno il relativo rituale e si limitano a bruciare solo il brevetto.